arena-verona

10 cose da fare a Verona: la “Porta d’Italia”

“Deliziosa Verona! Con i suoi bei palazzi antichi e l’incantevole campagna vista in distanza da sentieri praticabili e da solide gallerie con balaustra.
Con i suoi tranquilli ponti romani che tracciano la retta via illuminando, nell’odierna luce solare, con tonalità antiche di secoli. Con le chiese marmoree, le alte torri, la ricca architettura che si affaccia sulle antiche e quiete strade nelle quali riecheggiavano le grida dei Montecchi e dei Capuleti.”

Charles Dickens

Verona: cosa vedere nella città di Romeo e Giulietta

Spesso questa magica città è avvolta da un velo di romanticismo e tristezza che ci riconducono alla famosa storia d’amore tra Romeo e Giulietta. Verona è questo ma anche molto di più: non è un caso che viene definita “Porta d’Italia” per la sua capacità di mostrare ai visitatori provenienti dal Nord Europa tutta la bellezza e la storia che il nostro Paese racchiude. È la degna rappresentante del tricolore grazie ad un concentrato di testimonianze artistiche, storiche e culturali sparse tra vicoli e piazzette che nascondono ristorantini di cucina locale, dalle materie prime di altissima qualità. Guardare oltre il famoso balconcino è praticamente d’obbligo, sarebbe un vero peccato non farlo. Ecco i miei consigli su cosa vedere a Verona per vivere appieno la città e lasciarci il cuore, partendo dalla piazza più antica, dove gli edifici medievali hanno preso il posto di quelli costruiti in epoca romana: Piazza delle Erbe.

Qui si susseguono profumi e colori caratteristici grazie al mercato di frutta e verdura che anima la vita cittadina sabato e domenica. Io personalmente amo questi momenti che, abitando in una grande città, a volte faccio fatica a vivere. Invece fanno parte della vacanza e permettono di conoscere anche il lato umano di un luogo. Su Piazza delle Erbe si affacciano il Palazzo del Comune, la Torre dei Lamberti (torre medievale alta 84 metri, dal retrostante cortile del Mercato Vecchio potete accedere in ascensore alla sua sommità, assaporando una impareggiabile vista sulla città), la casa dei Giudici e le case Mazzanti. La duecentesca Casa dei Giudici ha avuto importanti funzioni nel corso dei secoli: da sede dei consigli cittadini a residenza dei giudici inviati da Venezia durante la Serenissima. Il Palazzo Maffei in stile barocco con le sue statue di divinità greche e la Fontana detta “Madonna Verona” (in virtù della statua dalle sembianze femminili che campeggia al di sopra della vasca) che si contende la scena con il Capitello (un baldacchino in marmo in cui si insediavano i governanti per i proclami alla cittadinanza e dove si esponevano le teste mozzate dei delinquenti) contribuiscono a donare alla Piazza un forte valore culturale. Luogo ideale anche per una piacevole pausa caffè di meta mattina all’aperto.

Per inaugurare questa suggestiva vacanza, consiglio una cena al ristorante ed enoteca Maffei, un luogo dalla storia millenaria. Situato nel palazzo cardinalizio omonimo del XVII secolo, proprio in Piazza delle Erbe. Elegante e raffinato, per i palati attenti alla qualità che amano assaggiare cibi locali, accompagnandoli ad un’ampia selezione di vini pregiati.

Il pranzo invece, più informale, sempre in zona (4 minuti a piedi da Piazza delle Erbe) è all’aperto al ristorante la Piazzetta con prodotti naturali, freschissimi e un’ottima selezione di vini.

Cosa vedere a Verona: seconda tappa all’Arena, luogo simbolo della città

La seconda tappa è considerata icona e simbolo di Verona: antico anfiteatro romano eretto nel I secolo a.C., sede di spettacoli e concerti, l’Arena con i suoi 30.000 posti a sedere e un’acustica perfetta ospita artisti provenienti da tutto il mondo. All’interno il movimento concentrico delle gradinate trasmette agli spettatori un singolare effetto di maestosità. Non si può descrivere l’emozione che ho provato ad assistere ad un concerto rock di uno dei miei gruppi preferiti, dove le luci si confondevano con le sfumature rosate del cielo al tramonto. Piazza Bra, su cui si affaccia l’Arena è il cuore pulsante di Verona, piena di gente di giorno e di notte, con vari localini per un aperitivo fresco o un cocktail dopo cena all’aperto.

Cosa vedere a Verona: Arena di Verona, Concerto e giochi di luce
Arena di Verona, Concerto e giochi di luce

Migliaia di poesie e dediche d’amore poste nel giardino d’ingresso vi fanno subito capire che state per accedere ad un altro luogo simbolo di questa magnifica città, reso celebre grazie al grande Shakespeare: si tratta del balcone e dell’abitazione di Giulietta.

Verona cosa vedere - Casa di Giulietta, Verona
Casa di Giulietta, Verona

Meno fortuna ha invece avuto la casa di Romeo, oggi abitazione privata. Dalla casa di Giulietta potete raggiungere Piazza dei Signori, dove al centro troverete la statua di Dante Alighieri che ha scelto Verona quando è stato esiliato da Firenze. In questa piazza si susseguono varie opere architettoniche di rilievo: la Domus Nova, la Loggia del Consiglio, il Palazzo degli Scaligeri (Signori di Verona dal 1260 al 1387), il Palazzo del Capitanio e il Palazzo della Ragione.
Quasi in una piazzetta a parte si trova la Chiesa di Santa Maria Antica nel cui cortile si innalzano le Arche Scaligere. Il suggestivo complesso funerario è uno straordinario esempio dell’architettura gotica in Italia. Il tramonto a Verona non è solo uno spettacolo della natura ma diventa anche la cornice ideale per il Ponte Scaligero e Castelvecchio: costruito come fortezza militare nel ‘300 e diventato residenza degli Scaligeri nel XVI secolo, il complesso ospita il cortile maggiore e la piazza d’armi, oltre alla reggia dove abitavano i Signori (oggi sede del museo civico). Il Ponte Scaligero è stato ricostruito negli anni Cinquanta con le pietre e i mattoni originali, recuperati sul fondo dell’Adige, dopo l’esplosione ad opera dei tedeschi che lo hanno distrutto.

Cosa vedere a Verona: Ponte Scaligero, Verona
Ponte Scaligero, Verona

Verona: cosa vedere al di fuori del centro storico

Fuori dal centro storico di Verona, storia e leggenda si mescolano intorno ad uno dei massimi esempi di architettura religiosa romanica del Nord Italia, la Chiesa di San Zeno Maggiore: si narra che durante l’inondazione dell’Adige nel 589, l’acqua si è fermata sulla soglia di questa Chiesa, sorta sul luogo di sepoltura del Vescovo Zeno. San Zeno, di origine africana, è stato l’ottavo vescovo di Verona e ha convertito la città al cristianesimo. La Chiesa è ricca di sculture e pitture, tra queste un’attenzione particolare va al trittico della Madonna in trono e Santi di Andrea Mantegna. In soli 10 minuti a piedi potete raggiungere Porta Borsari, costruita nel I secolo A.C., era l’unica porta della cinta muraria che permetteva l’ingresso alla città romana di Verona. La funzione primaria di accesso all’abitato è rimasta anche in età medievale, quando la porta ha assunto la denominazione attuale, prendendo il nome dai bursarii che in quell’epoca riscuotevano i dazi delle merci in entrata e in uscita. Verona è arte, cultura, storia ed è anche la citta dei Ponti: ben 7 che hanno condiviso il destino di essere stati distrutti dai nazisti e poi ricostruiti negli anni. Il più vecchio è il Ponte di Pietra, di epoca romana che collega il Teatro Romano con il centro cittadino.

Verona cosa vedere: La città dei ponti
La città dei ponti, Verona

I blocchi di pietra e i mattoni sono stati recuperati nel fiume Adige che attraversa e taglia in due Verona, così il ponte è stato ricostruito tenendo fede all’originale. Verona si distingue così per la sua incredibile storia, l’attenzione a preservarla da parte dei suoi cittadini e al tempo stesso il suo sguardo verso il futuro e verso la piena vivibilità della città, accogliente, pulita, sicura, piacevole da scoprire passeggiando.

Consigli utili

Per questo tour sono necessari 3 giorni. I luoghi scelti per il pernottamento sono a meno di 500 metri dal centro storico. Per spostarsi non è necessaria l’auto, è consigliato spostarsi a piedi per apprezzare pienamente la bellezza di questa città.

È consigliato inoltre ammirare l’Arena al tramonto e in serata, durante un concerto o spettacolo estivo.

Per maggiori informazioni su cosa vedere a Verona vi consiglio di visitare il sito ufficiale del turismo della Regione Veneto: https://www.veneto.eu/.

Budget stimato

Per l’intera vacanza: 300 euro, mediante il costo delle strutture alberghiere scelte è di 75 euro a notte per persona. Le strutture sono di ottima qualità, a gestione familiare con grande attenzione verso la pulizia e il design.

You May Also Like

Tour del Salento on the road in due settimane

Tre giorni nelle colline del Monferrato: cosa vedere

Carnevale 2021 in Italia: tutti gli eventi online

La Via della Costa: 348 km a piedi tra i borghi più belli della Liguria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • Registrati
Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.